fbpx

Controlla la copertura di rete a casa tua:

La tua abitazione è raggiunta
dalla fibra fino a 1000 mega. bollino fibra

callcenter.png
Preferisci abbonarti parlando gratis direttamente con un nostro operatore?

Chiama gratis il  numero verde
800.933336

cdn content delivery network

Cos’è una CDN e come funziona un Content Delivery Network

CDN è un’infrastruttura di reti eterogenee dislocate in diverse aree geografiche a cui possiamo delegare l’erogazione dei nostri contenuti. Infatti, CDN non è altro che l’acronimo di Content Delivery Network, un network di reti che ci possono aiutare ad alleggerire il carico di utenza e dunque il caricamento di alcuni contenuti in determinate pagine del nostro sito web.

Una CDN network, in pratica ci aiuta a ridurre la distanza fisica tra il server di connessione dove è situato il nostro sito e l’utente o per lo meno da dove si collega quest’ultimo. In questa maniera, qualsiasi utente, anche proveniente da diverse zone del mondo, può fruire di un’esperienza di navigazione piacevole, senza intoppi o rallentamenti.

Come funziona una rete CDN?

Non è semplice capire le dinamiche dietro una Content Delivery Network, cercheremo di essere quanto più chiari senza usare termini troppo tecnici che possono essere difficili da comprendere.
Come abbiamo visto un CDN server aiuta a distribuire i contenuti in modo tale che ogni persona che si connette al nostro sito possa godere della medesima esperienza utente. L’obiettivo di una CDN è quello di limitare al massimo il ritardo tra il click dell’utente che richiede una data pagina web e l’effettivo caricamento della stessa.

Se il nostro sito risiede su server Italiani, un’individuo che si connette dall’argentina dovrà fare i conti con una latenza minima o massima dovuta alla distanza fisica tra la posizione geografica in cui risiede l’utente e quella dove è fisicamente ospitato il sito. Questo si traduce in rallentamenti ed una “user experince” peggiore rispetto ad utente italiano.

Questo però non avviene se si usa un Content Delivery Network, che non fa altro che memorizzare temporaneamente una copia istantanea in real time del sito in vari server diffusi in tutto il mondo, così in questo modo l’utente argentino dell’esempio di sopra, vedrà una copia fedele del sito dislocata in un server vicino a lui e la sua richiesta non dovrà fare il giro del mondo. Il risultato sarà una visualizzazione del sito più veloce, fluida e senza rallentamenti.

Perché dovremmo usare una CDN?

Alla luce dei grandi cambiamenti sul fronte degli accessi a internet e delle tecnologie, avere un sito che abbia prestazioni elevate è una “conditio sine qua non” per qualsiasi azienda. Ultimamente Google, il più grande motore di ricerca, ha inserito i “Core Web Vitals” come metriche per valutare la bontà di un sito. Questo significa che un sito lento, non ottimizzato per qualsiasi utente potrebbe essere penalizzato nelle ricerche.

Ma se non basta quanto detto, dobbiamo considerare anche che in media le persone attendono circa 3 secondi per vedere caricata la pagina richiesta, un tempo di caricamento maggiore, li fa scappare via. Immaginiamoci questa situazione per un sito che vende online, questo si traduce in perdita di potenziali clienti e di fatturato. La tecnologia CDN permette di ovviare a tutto questo garantendo una esperienza di navigazione agevole a tutti, senza considerare il luogo di connessione dell’utente.

Riepilogando potremmo dire che i benefici di una CDN per un sito produttivo sono tanti ma in particolare sottolineiamo:

  • Riduzione del tempo di caricamento delle pagine del sito
  • Aumento generalizzato delle prestazioni percepite dall’utente che naviga il sito
  • Diminuzione drastica della quantità di utenti che decidono di abbandonare il sito
  • Diminuzione del grande carico di lavoro sulla macchina originale nel quale risiede il sito